Tutte le avventure di Sandokan

Tutto Salgari #16. Un'antologia di dodici classiche avventure salgariane. Edizioni integrali e annotate.

Le Tigri di Mompracem
I misteri della Jungla Nera
I pirati della Malesia
Le due tigri
Il Re del Mare
Alla conquista di un impero
Sandokan alla riscossa
La riconquista di Mompracem
Il bramino dell’Assam
La caduta di un impero
La rivincita di Yanez
Incluso: La Tigre della Malesia, la versione originale di Le tigri di Mompracem apparsa in appendice sulla Nuova Arena di Verona

Fatti e pareri

"Sandokan è un uomo in grado di trascinare, è nato capo. Con lui dieci uomini sono un esercito. Dove si arriva dopo giorni di ragionamento lui arriva in un attimo. Lo uccidete e lo rivedete vivo. Riuscite a prenderlo, ma è già scappato. Non combattete solo un uomo, ma una leggenda."~ James Brooke nel film La tigre è ancora viva: Sandokan alla riscossa!

Le Tigri di Mompracem: Ritmo, innanzitutto c’è ritmo; troverete avventure una dopo l’altra che si susseguono con tempi perfetti, mai troppo corte per non deludere l’attesa, mai troppo lunghe per non annoiare, con stacchi bilanciati tra un’azione e l’altra e la giusta suspense. Non c’è una scena fuori posto, tutto è funzionale alla riuscita della trama. ~ Francesco Naldi

Tutte le avventure di Sandokan

Un'antologia di dodici classiche avventure salgariane:

Le tigri di Mompracem
"Vi è un uomo che impera sul mare che bagna le coste delle isole malesi, un uomo che è il flagello dei naviganti, che fa tremare le popolazioni, e il cui nome suona come una campana funebre."

Nel 1883 nasce la leggenda di Sandokan, la «Tigre della Malesia» il principe-pirata spodestato dagli inglesi. Capo delle Tigri di Mompracem, una banda di pirati ribelli, lotta contro le potenze britanniche e olandesi finché un giorno decide di salpare verso l'isola di Labuan per vedere una meravigliosa fanciulla dai «capelli biondi come l'oro». E una decisione che lo cambierà per sempre...

Dalle giungle dell'India ai mari della Malesia. Tutte le avventure di Sandokan, Yanez, Tremal-Naik e Kammamuri, gli eroi del ciclo indo-malese.

"Ben altri sono gli scrittori che impreziosiscono la storia letteraria della patria. I cui brani finiscono nelle antologie e a scuola ci sono inflitti in tutti i modi peggiori, ridotti a riassunti e commenti scopiazzati, quando loro chiedevano soltanto di essere letti con piacere. Ma se siamo lettori è perché qualcosa è successo all'inizio, tanti anni fa, da bambini. I bambini chiedono di giocare, chiedono storie che li catturino e gli tolgano il sonno finché non finiscono, chiedono che qualcuno racconti avventure talmente affascinanti da far dire loro: «Ancora, ancora, ancora». I grandi della letteratura arriveranno dopo, con i bambini non funzionano. Con i bambini, i ragazzi, gli adolescenti funziona Emilio Salgari. Non sarà un esempio di stile, non farà sorgere monti dalle acque, ma nessuno come lui sa lanciare i tigrotti all'arrembaggio a bordo dei loro agili prahos. Sa prendere il giovanissimo lettore per mano e accompagnarlo lontano, dove nemmeno lui andò mai; e poi lo affida a chi fu più grande di lui. Sia elogiato Emilio Salgari per gli innumerevoli giovani lettori che ha saputo appassionare alla parola scritta e senza di lui chissà mai che fine avrebbero fatto. Forse si sarebbero spenti e non avrebbero mai dato l'abbordaggio a un sogno. A una professione. Figuriamoci a una Perla di Labuan." ~ Pagine Elogi, Avvenire.it 2016